Quasi quattro anni di Crohn

Nel 2018 farà quattro anni che ho scoperto di avere il morbo di Crohn, cioè quattro anni dall’attribuzione di un nome ai disturbi intestinali che mi hanno accompagnato per tutta la post-adolescenza.

Com’è cambiata la mia vita da quel cruciale 2014? Forse sarebbe meglio dire quanto sono cambiata io.

Ognuno porta dentro di sé un suo anno zero in cui riconosce le radici del suo io presente, l’origine di un cambiamento. Io quella mia origine la colloco in una corsia di pronto soccorso di un piovoso maggio torinese. È lì che è cominciata a cambiare la mia percezione del tempo, lì sono crollate le mia paure, le mie resistenze, buona parte dei miei blocchi, dei miei pudori, anche, delle mie scuse e autoindulgenze. Scoprire la malattia dentro di me è stata un’epifania di me stessa, di quello che voglio, di quello che posso e so fare. Ma ancora il tempo, soprattutto: è un nuovo valore del tempo che ti entra dentro, quando stai male e diventi, per forza di cose, più ricettivo. Quando la routine di visite, esami, terapie, burocrazia sanitaria, medicazioni e accorgimenti comincia a scandire la tua vita. Allora riesci a vedere meglio, fuori da quella routine, i colori delle cose. Ad amarle, le cose. A volerti più bene e a lottare per quello che vuoi.

I miei quattro anni dalla scoperta del Crohn sono stati i più belli della mia vita: belli perché goduti, perché sudati e punteggiati di piccole conquiste, di viaggi, di conoscenze interessanti, di nuovi amici, di paesaggi da colmarmi l’anima, di sfide (a partire da quelle mediche), di novità, di emozioni forti, in bene e in male. Di scrittura, di poesia, di ricerca della bellezza, di nuove ispirazioni. Di sorprese e nuovi aneddoti.

Credo fortemente che quel mio anno zero sia stata un’appendice della mia formazione accademica, l’esperienza totalizzante a coronamento dei corsi di letteratura, semiotica, filosofia, storia del teatro. Insieme ai romanzi che mi piace rileggere negli anni, alle poesie, all’arte che più mi ha segnato e alla musica con cui sono cresciuta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...