Questo mese voglio…

Approfitto di aprile – denso di riflessi e di valenze simboliche – per pubblicare un articolo che sarebbe potuto uscire all’inizio di un mese qualsiasi. Ma è ad aprile, come anche a settembre, che si acuisce la percezione ciclica del tempo: la fioritura e la vendemmia, l’inizio e la fine di qualche cosa, che è poi solo un passaggio.

Non pratico i riti ufficiali ma cerco di sintonizzarmi con quello che di vivo sento nelle tradizioni. Provo ad ascoltare il respiro delle stagioni nelle feste, nei canti sacri, nell’allungarsi delle giornate. Sono sempre stata ossessionata dall’idea di ritualizzare il mio tempo, di scandirlo, di inciderlo. Come tanti brevi tagli d’intensità diversa che sulla linea del cerchio disegnano tante piccole crocette. Ritmare il tempo e colorarlo, come fanno i poeti nei loro versi. Come facciamo con i tatuaggi.

E allora serve una specie di liturgia personale, che è disciplina ma non costrizione. Che non è esclusione del fortuito ma preparazione al suo massimo godimento. Provo a vivere ogni mese con piacere, a fare ciò che voglio, ciò che mi permette di sentire più vicino il battito del mio tempo. Ciò che alla fine di ogni mese può farmi dire che quei trenta giorni non sono soltanto passati, ma li ho vissuti.

Ho detto ci provo. Non sempre ci riesco, perché richiede una forza, costanza e prontezza che spesso vanno oltre le mie capacità.

Ma questo mese voglio…

…lasciarmi trasportare dall’onda. Consacrare aprile di blu.

Un pensiero riguardo “Questo mese voglio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...