Versi #14

Occhi da chissà dove emersi
di profugo
di beduino
zingaro viziato errante
pieno e stanco
del passato del futuro
superfluo
il presente ti stropiccia
a malapena
le ossa.
Passato l’inverno si prepara
a levare le tende
verso un altro inverno.
Troppo leggero per sprofondare
nelle cose
per penetrare.
Es muss sein.

#13_(Convalescenza e brezza)

Mi sono sentita semplice e complicata
attraversando giorni di pioggia dal mio piccolo sdraio
in riva al balcone

tempo di semina estiva battuto
dai capricci del tempo
di cielo e d’orologio
mio e degli altri.

Festina lente

e tanto piove, la domenica
e si chiudono i vetri contro alle voci e al raggio
mozzato
dall’acqua.

Convalescenza e brezza.

Malattia è il troppo sentire
Morte
è non sentire affatto.

Convalescenza e brezza spira
il temporale
in riva al balcone di chi oggi non è uscito.

Versi #12

la grandine fighissima goditela tu
quest’ennesima domenica di pioggia
forte
su Atene
ché tutto si fa liquido
anche i miei ricordi
perfino lo stress.

Qualche giorno che non sentivo la tua voce e ti ho chiamata
e sei arrivata d’impeto.

Parto gemellare
e ritorno
al madore che in quella tua voce
è fuoco.

Versi #11

Portare la luce
può essere anche crudeltà.
Svegliare l’anima che dorme
tranquilla
accendere
un corpo e sottrargli
il buio
dagli occhi, il sonno
dai sensi.
La luce poi non si accontenta:
deve correre e percorrere,
infettare.
La luce è inevitabilmente contagio.

Versi #9

Da quanti anni sono te?
Corro lontano e non riesco
a liberarmi
dei tuoi modi, dei tuoi gesti.
Ancora e sempre
nelle mie vene come l’autunno,
come quei bassi così scanditi
nella mia testa. La pista
in frantumi e l’amore,
dove mi ha portato l’amore,
così lontano dal primo amore?
A disperdere, oltremare, adolescenziali tossine
e la tua fame ansiosa, distruttiva.
Il buongiorno si vede dal mattino,
ma nel pomeriggio, a Oriente, può tradirsi.

Versi #8 (l’amore d’inverno)

L’amore d’inverno è scaldarsi di baci
lenti e profondi
fra gli spifferi della notte pomeridiana,
persi nelle coperte in disordine
dentro alla pioggia fredda e tagliente.
L’amore d’inverno è fuoco. Una mano che si lascia stringere
dietro a un cappuccino.
È la crema del cappuccino
con una spruzzata di cacao.
Il profumo di una scorza d’arancio
contro al cielo limpidissimo.

Versi #6

È per te che vorrei
esistere sempre
dentro di te danzare,
respirare.
Quel tanto che mi lascerai di farlo
quel tanto
che non avrò confuso anche te
con le mie paure.
Tante volte mi hanno ucciso
le mie paure
in tanti cuori
così diversa
e maledettamente uguale
nel tempo
negli sbagli.
Ma è con te che vorrei
con te che vorrei
forse
liberarmi di me.
Guarire?
Non dirmi anche tu ti prego
non dirmi
la tua è una malattia cronica.