Pomeriggio di creatività crohniana con Samia Kouider a Roma

È un pomeriggio uggioso di maggio, quello in cui arrivo a Roma, di pioggerella intermittente e cielo chiuso. Ma ad aspettarmi fuori dalla Stazione Termini per le poche ore che trascorrerò in città c’è Samia Kouider, che mi accoglie con l’energia calorosa e l’entusiasmo di chi sa trovare nel vissuto personale un nutrimento continuo per le proprie capacità. A partire da quelle creative…

ostomypride-samia-kouider-crohn
Samia Kouider

Come racconta sul sito della sua linea di lingerie per stomizzate, oStomyPRIDE, Samia Kouider, affetta dalla malattia di Crohn, ha messo insieme le sue competenze di ricercatrice sociale e le sue doti manageriali e creative con ‟la sua nuova condizione di donna che convive con una sacca attaccata al proprio corpo″. Così, nel 2018, ha realizzato il progetto oStomyPRIDE, attraverso il quale i modelli di costumi e intimo per stomizzate da lei stessa disegnati sono diventati una realtà accessibile alle tante donne stomizzate che non vogliono rinunciare alla loro femminilità. E se la bellezza si potesse anche combinare con una maggiore comodità, sicurezza e qualità? A questo ha pensato Samia, mai completamente soddisfatta dai modelli di intimo e costumi per stomizzate provati nella sua esperienza – e che spesso restano di difficile o lenta reperibilità per il pubblico italiano.

Pezzi unici con zip strategiche per facilitare il cambio della sacca e bikini con slip a vita alta per i costumi da bagno, intarsi velati o di pizzo che fanno pensare alle danzatrici del ventre per l’intimo e, in entrambi i casi, una varietà di colori e modelli adatti a soddisfare un pubblico di donne giovani e mature e a valorizzare diversi tipi di fisicità. Niente male come linea di partenza. Continua a leggere “Pomeriggio di creatività crohniana con Samia Kouider a Roma”

Crohn: i miei antidoti personali

I rimedi per il Crohn non sono uguali per tutti. La malattia è un sfida e, come tale, mi piace affrontarla con disciplina e fantasia, proprio come la scrittura e la stessa quotidianità. E se con disciplina mi attengo alla terapia prescritta (o, meglio, studiata e soppesata con i medici), è con fantasia – e altrettanta disciplina – che mi dedico alla ricerca e alla sperimentazione ragionata dei rimedi complementari. Con tangibili benefìci di cui mi rendo conto quando vengono meno attezione e costanza. Ma quali sono i miei rimedi personali per il Crohn?

  • sonno e pasti a ritmi il più possibile regolari (non è sempre facile, ma ci provo);
  • mezzo cucchiaino di erba d’orzo dissolto in una bevanda tiepido-calda (non bollente) o nei succhi/frullati/centrifugati di frutta e verdura fresca;
  • una punta di polvere di masticha da mandare giù con un sorso d’acqua la mattina a digiuno, un po’ prima della colazione;
  • a colazione e prima di dormire, una bevanda calda (solitamente tè verde la mattina, tisana antinfiammatoria a base di artiglio del diavolo e malva oppure rooibos la sera) con il succo di mezzo limone e (la sera) un pezzettino di zenzero in infusione.
  • consumo quotidiano (ma moderato) di noci, mandorle, arachidi e crema di arachidi (buonissima per una colazione sana ed energetica);
  • 3-4 bacche Inca (una specia di piccole more giallognole dal sapore aspro) al giorno, per lo più in ammollo nella bevanda calda del mattino;
  • assunzione ciclica di integratori a base di ferro e vitamina C, D, E;
  • una spolverata di curcuma e (quando ci vuole) di parmigiano sui miei piattoni unici di proteine magre, riso e verdura;
  • una spolverata di cannella sulla crema di arachidi del mattino (da spalmare su gallette di riso, fette biscottate senza lievito o qualsiasi altra superficie vi garbi, compresa quella nuda e cruda del cucchiaio) o, nei periodi latticini-sì, sullo yogurt, insieme al miele;
  • camminare qualche minuto al sole ogni giorno (quando il sole c’è, e ben protetta dalla crema solare anche quando vado in ufficio!): luce e movimento sono il connubio perfetto per un’immediata sensazione di benessere, anche quando si profila una giornata da polli d’allevamento alla scrivania, per ore e ore sotto la luce artificiale.